arredamento per la casa

CERCA NEL BLOG

Cos'è l'arredamento sostenibile e perché è importante

Pubblicato il 19 maggio 2018

, da Francesco Ambrosino


Cos'è l'arredamento sostenibile e perché è importante

In cosa consiste l'arredamento sostenibile? Quali sono i principi alla base di questo approccio? Scopriamolo insieme.

Condividi su

Il tema della sostenibilità è sempre più centrale nelle politiche industriali e produttive mondiali, a volte per ragioni di marketing, ma molto spesso anche per reale interesse nei confronti del problema.

Food, Moda, Automotive, sono solo alcuni dei settori nei quali l'impronta ecologica si fa più sentire, e che spingono maggiormente per introdurre all'interno della catena produttiva logiche di sostenibilità sempre più strutturate.

Basti pensare all'utilizzo dell'olio di palma, dei fertilizzanti chimici, dei coloranti industriali, delle auto elettriche, argomenti al centro del dibattito pubblico mondiale.

Il settore dell'arredamento d'interni, bisogna ammetterlo, ha mosso i primi passi nel mondo della sostenibilità molto prima rispetto ad altri settori, con il riciclo creativo, l'impiego di materiali di risulta e di vernici atossiche, e così via.

Insomma, l'arredamento sostenibile rappresenta una porzione, seppur minoritaria, importante in questo settore.

Approfondiamo insieme.

Arredamento sostenibile: in cosa consiste

Elementi d’arredo sostenibileIniziamo dal principio, ovvero dalla definizione di arredamento sostenibile.

Con arredamento sostenibile si intende un processo di ideazione, progettazione e produzione di elementi di arredo realizzati impiegando materiali atossici, che possono essere completamente riciclati a fine vita e/o smaltiti in sicurezza.

Insomma, mobili e complementi d'arredo sicuri per l'ambiente e per l'uomo.

Si tratta di una sfida, è evidente, che riguarda l'interior design ma anche il più ampio settore edilizio, e che offre alle aziende più illuminate di posizionarsi in una nicchia di mercato ancora poco concorrenziale, ottenendo un evidente vantaggio competitivo.

Termini come green design, design ecologico, design sostenibile, design ecologicamente responsabile, architettura verde, vengono spesso utilizzati come sinonimi, eppure qualche differenza tra di essi esiste.

In effetti, mentre con green design ci riferiamo a prospettive di piccole dimensioni, che riguardano gli effetti benefici che possono avere sui singoli individui (ad esempio, materiali ipoallergenici), con design sostenibile ci riferiamo alla progettazione e costruzione di strutture più ampie, quindi con impatti maggiori.

Possiamo dire, quindi, che un approccio sostenibile al design consente anche un design verde.

I 6 principi dell'arredamento sostenibile

Nel suo libro Environmentally Responsible Design: Green and Sustainable Design for Interior Designers, l'autrice Louise Jones illustra i 6 principi dell'arredamento sostenibile.

Vediamoli insieme.

Rispetto per la saggezza del sistema naturale

L'arredamento sostenibile deve rispettare la natura, e utilizzarla come mentore, punto di riferimento e ispirazione per il design, nel segno della biomimetica;

Rispetto per le persone

L'arredamento sostenibile deve creare dei luoghi ospitali per le persone, senza impedire alla natura di fornire ciò di cui l'uomo ha bisogno;

Rispetto per i luoghi

L'arredamento sostenibile deve tenere presente delle differenze che esistono tra i vari luoghi, sia dal punto di vista dei cambiamenti climatici che da quello biologico;

Rispetto per il ciclo della vita

L'arredamento sostenibile deve sempre tenere bene a mente come funziona il ciclo naturale della vita, quindi che nulla si crea e nulla si distrugge, tutto si trasforma. Ecco che il concetto di rifiuto assume una prospettiva completamente diversa;

Rispetto per l'energia e le risorse naturali

L'arredamento sostenibile non deve abusare della terra e delle risorse che ci mette a disposizione, ma impiegarle in modo ragionato e rispettoso dell'ambiente;

Rispetto per i processi

L'arredamento sostenibile deve basarsi su una visione olistica dei processi, in modo da avere un quadro molto chiaro di come si possa realmente cambiare il risultato finale.

Arredamento sostenibile: qualche dato utile

Eliminare lo spreco energeticoAll'interno del rapporto Global Construction Sustainable Materials Market, Analysis & Forecast, 2017 – 2026, che analizza il settore delle costruzioni, si legge quanto segue:

Il mercato globale dei materiali per l'edilizia sostenibile, in volume, è stato pari a 7.543,1 Kiloton nel 2016 e dovrebbe crescere del 12,0% tra il 2017 e il 2026. In termini di valore, il mercato globale dei materiali per edilizia sostenibile è stato valutato in 175 miliardi di dollari nel 2016 e dovrebbe crescere ad un ritmo dell'11,6% tra il 2017 e il 2026.

I materiali sostenibili sostituiscono i materiali convenzionali, poiché conservano le stesse proprietà utili e offrono ulteriori vantaggi, quali benefici ambientali, riduzione delle emissioni, minore consumo energetico e potenziale di riciclaggio e riutilizzo.

Ecco perché i materiali sostenibili sono altamente preferiti per l'industria delle costruzioni.

La costruzione di materiali sostenibili può essere classificata, per tipo di prodotto in:

  • prodotti strutturali;

  • prodotti per interni;

  • prodotti per l'esterno;

  • sistemi di costruzione.

Il mercato, a sua volta, è segmentato in:

  • isolamento;

  • coperture;

  • cornici;

  • rivestimenti esterni;

  • finiture interne.

Come vedi, ad essere interessato da un approccio sostenibile è l'intero settore dell'edilizia, che comprende quindi sia l'aspetto architettonico che la parte relativa all'arredamento d'interni e di esterni.

Arredamento sostenibile: come procedere

L'arredamento sostenibile necessita di un approccio differente, a cominciare dal modo in cui gli oggetti vengono ideati e successivamente prodotti e venduti.

Ecco alcuni punti essenziali alla base di questo processo virtuoso:

  1. Sviluppare ambienti flessibili, che si possono adattare facilmente alle esigenze particolari dei soggetti, effettuando minime variazioni;

  2. Sostenere un circuito produttivo chiuso, che preveda l'impiego di materiali riciclati o riciclabili a fine vita;

  3. Specificare l'assenza di materiali o sostanze potenzialmente cancerogene e volatili;

  4. Utilizzare finiture idrauliche che riducano i consumi e lo spreco di acqua;

  5. Raccomandare l'impiego di elettrodomestici a basso consumo energetico, in particolare nelle cucine;

  6. Utilizzare solo legni certificati FSC, il sistema di certificazione forestale riconosciuto a livello internazionale;

  7. Riutilizzare materiali di risulta, in un'ottica di Zero Rifiuti;

  8. Utilizzare materiali riciclabili;

  9. Ridurre i trasporti, acquistando materiali sul territorio;

  10. Ridurre gli imballaggi.

Seguendo questi passaggi, è possibile ottenere un arredamento sostenibile, con mobili e accessori di buona qualità e dal design curato, nel pieno rispetto dell'ambiente.

Condividi su

Facebook
Autore
Ultimi Articoli
Francesco Ambrosino

Francesco Ambrosino

Blogger, Social Media Manager, Copywriter at Socialmediacoso.

Laureato in Scienze della Comunicazione, mi occupo di Formazione Professionale, Social Media, Copywriting e Blogging.
Non parlo di cose che non conosco, quindi parlo poco. Se posso, scrivo. Le cuffie dell'iPhone sono il mio scudo contro le chiacchiere inutili.

Seguimi su

Profilo Facebook di Francesco Ambrosino Profilo Twitter di Francesco Ambrosino Francesco Ambrosino
Seguici sui Social

Ultimi Articoli

Stupisci i tuoi ospiti con una zona living in stile provenzale

Stupisci i tuoi ospiti con una zona living in stile provenzale

21 marzo 2020

Vuoi creare l'effetto Wow! e stupire i tuoi ospiti? Ecco alcuni consigli per arredare il living in stile provenzale. Il risultato è garantito!

Come arredare la camera da letto con meno di 1000 euro

Come arredare la camera da letto con meno di 1000 euro

22 novembre 2019

Se hai intenzione, o necessità, di arredare una camera da letto rientrando in un budget limitato, ecco alcune soluzioni per te.

Mobili bagno in stile urban chic: l'eleganza non ha confini

Mobili bagno in stile urban chic: l'eleganza non ha confini

20 giugno 2019

L'arredo bagno non deve solo essere pratico e funzionale, c'è spazio anche per lo stile e l'eleganza. Come? Puntando sullo stile urban chic.

Stile rustrial: l'industrial design incontra il gusto rustico

Stile rustrial: l'industrial design incontra il gusto rustico

9 maggio 2019

Il trend di interior design più cool del 2019? Lo stile rustrial! Scopriamo insieme questo stile di arredamento che unisce rustico e industrial.

Bonus mobili 2019: proroga delle detrazioni per arredare casa

Bonus mobili 2019: proroga delle detrazioni per arredare casa

10 aprile 2019

La legge di bilancio ha prorogato il bonus mobili anche per il 2019. Vediamo insieme in cosa consiste, quali prodotti rientrano nell'agevolazione e come richiederla.

Articoli Popolari

Rimuovere la muffa dai mobili in legno senza rovinarli

Rimuovere la muffa dai mobili in legno senza rovinarli

5 agosto 2018

Muffa e cattivo odore nei mobili? Vediamo insieme come procedere alla pulizia e alla rimozione della muffa dai tuoi mobili in legno.

Mobili in arte povera e colore delle pareti: come abbinarli

Mobili in arte povera e colore delle pareti: come abbinarli

2 gennaio 2017

La fase di scelta del colore delle pareti non può non dipendere dalla tipologia di mobili da te acquistati, o che intendi acquistare. Ecco alcune soluzioni per abbinarli nel modo migliore.

Pareti divisorie e porte in vetro per cucina e soggiorno

Pareti divisorie e porte in vetro per cucina e soggiorno

11 marzo 2017

Se vivi in una casa con soluzioni open space, puoi creare una divisione tra la cucina e il soggiorno utilizzando pareti divisorie porte in vetro. Vediamo come.

Come pulire le sedie in ecopelle

Come pulire le sedie in ecopelle

12 gennaio 2017

Le sedie in ecopelle sono belle, comode e facili da pulire. Non ci credi? Vediamo insieme come.

Come nascondere i cavi della tv (e non solo)

Come nascondere i cavi della tv (e non solo)

20 marzo 2017

La battaglia contro i cavi della TV sembra impervia e senza speranze, ma non devi arrenderti. Ecco qualche consiglio semplice e pratico per uscirne vittoriosi.